Magazine

menu

Cortina d'Ampezzo

Cortina è adagiata in un’ampia conca prativa abbastanza distante dalle circondariali imponenti montagne, tanto da concedersi di essere baciata dal sole a qualunque ora del giorno.

Sono alte e importanti le montagne che circondano Cortina d’Ampezzo: a nord la Croda Rossa e il Pomaganon, a Est il Cristallo e il Faloria, a Sud il Sorapis che si collega poi all’Antelao. A Ovest troviamo la Croda da Lago e le Cinque Torri, per chiudere il cerchio con le Tofane.

La conca su cui sorge Cortina d’Ampezzo è prativa e dolcemente ondulata, incisa in parte da rivoli d’acqua e torrenti minori che si tuffano nel Boite. I boschi, presenti soprattutto verso le montagne prima di accedere ai ghiaioni distesi alla base delle pareti verticali, sono abitati da essenze come il Larice, il Pino Cembro, il Pino Mugo e per questo sono capaci di assumere colorazioni sempre cangianti e contrasti cromatici importanti durate tutte le stagioni.

Le fioriture sugli ampi prati sono incredibilmente ricche e profumate e, a volte, i suoli franano facendo affiorare le scure rocce sottostanti e dando senso della loro composizione parzialmente argillosa.

Si tratta di rocce appartenenti alla Formazione di San Cassiano figlie di ambienti marini profondi. Fondali di mari tropicali pietrificati dove si accumulavano fanghi e sabbia. Finivano sui fondali anche le sabbie provenienti dalle isole costruite da organismi che interrompevano qua e là le profondità del mare della Tetide. Le isole lasciarono in eredità le dolomie, ora pareti verticali. Le sabbie erano arricchite da pezzi di scogliera e quindi costituite da resti fossili di varia natura, che lasciati in eredità fecero dei dintorni di Cortina luoghi famosi nel mondo per il loro contenuto fossilifero.

Cortina dunque è magicamente appoggiata su un pezzo del fondale del mare dolomitico della fine del Triassico.

Cortina d'Ampezzo montagne

C’è un luogo che risuona di pura luce ai gentili piedi del Pomagagnon, montagna dolomitica che fa da sponda al Cristallo. In questa zona, che ospita stupende passeggiate fra boschi e prati, sorse l’Istituto Elioterapico Codivilla, logo dove si curarono migliaia di persone debilitate dalla tubercolosi ossea grazie a terapie basate sulle cure solari. Un mix di aria salubre, acque minerali, bellezza e luce solare hanno quindi ristabilito le persone nel corso della storia.

Il sole nei prati di Cortina riscalda e pulisce, ridonando la vita.

Cortina d’Ampezzo: in sintesi