Magazine

menu

Vista sul Beche d'Ajal

21 Dicembre 2018

Bèche d’Ajal: il mistero della grande bellezza

Esiste un luogo davvero magico nei pressi di Cortina d’Ampezzo dove regna un’atmosfera fatta di silenzi e delicati equilibri. In dialetto Ampezzano questo angolo di paradiso prende il nome di Bèche d’Ajal e si trova sul versante settentrionale della Croda da Lago.

Questa zona è caratterizzata da enormi torri e picchi rocciosi, celati in parte da un bosco così denso e rigoglioso da non permettere di coglierne la bellezza osservando da qualunque postazione circondariale.
I Bèche d’Ajal, celati da una sorta di oblio, sono di chi li cerca… e soprattutto di chi li incontra.

Le rocce sono dolomie letteralmente sradicate dalla piattaforma carbonatica che costituisce il corpo basale della Croda da Lago. Chi le ha strappate dalla loro posizione originaria è la forza di gravità.
Nelle Dolomiti, e più in generale in montagna, si dice che ilpeso non dorme”. La gravità può infatti determinare crolli improvvisi dalle pareti verticali. Quando però la dolomia è compatta, fessurata e poggia su un substrato duttile (come quello argilloso, tipico di queste zone) può succedere che un lento movimento si impossessi di grandi porzioni di roccia, facendole scivolare lentamente (in alcuni casi qualche centimetro all’anno) verso valle. Tecnicamente si parla di “deformazioni gravitative profonde di versante”. Questo è il caso dei Bèche d’Ajal: picchi e guglie rocciose lentamente migrate e capaci di creare uno scenario complesso, quasi labirintico che è stato progressivamente abbracciato da alberi di larice, abete rosso, pino cembro e mugo e da un sottobosco ricco e variegato.

Bache d'Ajal
Foto di Michele Da Pozzo - www.dolomitiparco.com

I monoliti di roccia dei Bèche d’Ajal sono fatti di Dolomia Cassiana (datata al Triassico medio-superiore) e rimangono come testimoni dell’ultima generazione di isole tropicali che costituirono l’arcipelago dolomitico. Il substrato duttile su cui si sono mossi è fatto dalla Formazione di San Cassiano, testimone del mare profondo che insisteva fra un’isola e l’altra.

I Bèche d’Ajal rappresentano un vero gioiello sotto il profilo ambientale ed ecologico e per vale la pena lasciarli avvolti nel loro mistero, per evitare di calpestarne l’armonia.

Bèche d’Ajal: in sintesi